Santoreggia (Satureja hortensis)

santoreggiaLa Satureja hortensis , detta anche “erba acciuga”, appartiene alla fami­glia delle Labiate.

Questa piantina, estremamente aroma­tica, un tempo veniva ritenuta un cor­roborante psichico e un afrodisiaco; il termine Satureja, infatti, si riteneva de­rivare da “satiro”; cosi, come quasi tutte le piante molto odorose, anche la santoreggia nell’antichità fu ritenu­ta un po’ magica. In verità, anche se non proprio miracolose, le qualità di questa pianta esistono e sono tutt’oggi sfruttate in terapia; è, infatti, un ot­timo antispasmodico, espettorante, antisettico, digestivo.… continua a leggere

Pimpinella (sanguisorba minor) proprietà e utilizzi in erboristeria

pimpinellaQuesta pianta è conosciuta anche co­se “sanguisorba” e scientificamente è chiamata sanguisorba minor Scop.

Esiste anche una Sanguisorba officinalis, comunemente detta pimpinella maggiore, che ha proprietà analoghe alla minor, ma un aspetto piuttosto diverso che ne rende il riconoscimento facile. Entrambe appartengono alla fa­miglia delle Rosacee.

Il  termine “pimpinella” sta a signi­ficare il ruolo di pianta aromatizzan­te che un tempo soprattutto la sanguisorba ricopriva; deriva infatti dal lati­no “piper”, che significa pepe.… continua a leggere

Iperico (Hypericum perforatum)

ipericoL’ Hipericum perforatum appartiene alla famiglia delle Ipericacee ed è conosciuto anche come “Erba di San Giovanni“; si narra infatti che questa pianta nacque dal sangue del santo ed il diavolo per di­struggerla trafisse le sue foglie; in effetti queste, in controluce, pre­sentano come dei piccoli forellini, che in realtà sono piccole glandole; per di più, i fiori di questa pianta appassiscono rapidamente ad assu­mono un color rosso-ruggine, simile a quello del sangue essiccato.

continua a leggere

Eucalipto (Eucalyptus globulus Labill) proprietà fitoterapiche

EucaliptoScientificamente chiamato Eucalyptus globulus Labill, l’eucalipto appartiene alla famiglia delle Mirtacee.

Le varietà di eucalipto esistenti sono moltissime di cui alcune acclimatate nelle regioni mediterranee; sono albe­ri alti (nei loro territori d’origine pos­sono raggiungere dimensioni maesto­se), le cui foglie sprigionano un’essenza caratteristica, l’eucaliptolo, che rie­sce ad allontanare gli insetti.

E’ proprio questa essenza che viene sfruttata in fitoterapia; rientra nella composizione di numerosi prodotti far­maceutici come dentifrici, colluttori, caramelle, e via dicendo.

continua a leggere