Vulneraria (Anthyllis vulneraria)

vulnerariaIl  nome scientifico di questa pianta è Anthyllis vulneraria,  appartiene alla famiglia delle Papilionacee e viene det­ta anche “Sangue di Cristo”. Questo appellativo è forse dovuto al colore dei fiori che, in una varietà, è rosso por­pora.

La sua utilizzazione in campo terapeu­tico non risale ad anni tanto lontani; infatti ancora ai tempi medievali non era tenuta in alcuna considerazione. È stata la medicina popolare a scoprire le qualità di questa pianta e a darle un nome ben significativo: “vulnerario” significa, infatti, “cicatrizzante”; ecco spiegato il motivo per cui la vulneraria viene utilizzata per contusioni, ulcere cutanee, ferite e dermatiti, come colluttorio in caso di gengive sanguinanti.

È una pianta biennale, alta da cinque a quaranta centimetri. I suoi fusti, prostrati o ascendenti, presentano foglie strette, semplici o com­poste. I fiori compaiono nel periodo estivo e si riuniscono in forma­zioni globose terminali; sono gialli, provvisti di calice peloso.

Le parti della pianta utilizzate in fitoterapia sono le infiorescenze e le foglie.

One Reply to “Vulneraria (Anthyllis vulneraria)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*