Valeriana (Valeriana officinalis) benefici utilizzo e proprietà

Valeriana_officinalisIl  nome scientifico di questa pianta è Valeriana officinalis , ma il suo ap­pellativo più famoso è quello di “erba gatta”, che le deriva dall’abitudine dei gatti di rotolarsi in mezzo alle sue fo­glie con enorme piacere. E solo verso l’ Ottocento che si comincia a conosce­re questa pianta e ad apprezzarne le qualità, per arrivare nel periodo me­dievale, quando verrà considerata una vera e propria panacea.

continua a leggere

Tiglio (Tilia cordata Miller)

TiglioIl Tilia cordata Miller è un maestoso e longevo albero appartenente alla fami­glia delle Tiliacee. Anticamente, come molte piante dai fiori molto profuma­ti, era sacro ad alcune popolazioni eu­ropee; oggi, grazie alle sue ampie fronde ed al suo gradevole profumo nel periodo della fioritura, è assai apprez­zato per ombreggiare giardini e parchi.

Le qualità terapeutiche del tiglio sono antispasmodiche, sedative, emollienti.… continua a leggere

Luppolo (Humulus lupulus) principi attivi e cure naturali

luppoloIl luppolo viene chiamato scientificamente Humulus lupulus ed appar­tiene alla famiglia delle Cannabinaree.

Esiste un’altra specie di luppalo, Humulus japonicus, di origine asiatica, coltivata nei giardini come pianta or­namentale.

Il luppolo somiglia molto alla vite; le sue foglie, però, tono prive di viticci e con picciolo più piccolo.

A scopo industriale questa pianta viene ne coltivata per la produzione della birra.… continua a leggere

Partenio (Chrysantemum parthenium Bernh)

partenioScientificamente chiamato Chrysantemum parthenium Bernh, detto anche “Camomilla bastarda” o “Camomillona”, il partenio (o partenia) appartie­ne alla famiglia delle Composite.

Originario dell’Asia Minore, deve il suo nome al termine greco “partenos” che significa vergine, essendo già no­ta nell’antichità la sua azione efficace nella cura di alcune malattie femmini­

A causa della forma dei suoi fiori, il partenio è spesso confuso con la ca­momilla matricaria, ma le sue foglie so­no molto diverse e confrontandole il suo riconoscimento non è poi cosi difficile.… continua a leggere