Cicoria (Cichorium intybus)

Cichorium_intybusIl nome scientifico di questa pianta è Cichorium intybus ma è conosciu­tissima come “radicchio” o “mazzoc­chio”; appartiene alla famiglia delle Composite.

Già quattromila anni prima di Cristo, come ci è testimoniato da un antico pa­piro egizio, la cicoria era conosciuta ed utilizzata per vari scopi; in fitoterapia è uno dei rimedi più classici e privo di eventuali effetti collaterali. È molto usata in cucina, in diverse varietà, crea­te nelle numerose coltivazioni orticole.

La cicoria è presente in tutta Italia, isole comprese, in campi incolti e terreni asciutti. E un’erba che può superare il mezzo metro d’altezza; il suo fusto è ramificato e peloso; le sue foglie sono di due diversi tipi: quelle inferiori molto incise, quelle superiori più piccole ed allungate; i fiori si presentano nel periodo estivo e sono di un bel colore celeste.

Le parti della pianta utilizzate in fitoterapia sono le foglie e la radice; le foglie in particolare vengono utilizzate anche in cucina, sia crude che cotte; nel primo caso vengono raccolte prima della fioritura, per­ché dopo non sono più commestibili.

Le sue proprietà sono toniche, depurative, lassative e diuretiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*