Ciliegio selvatico (Prunus avium)

ciliegioIl ciliegio preso da noi in considerazio­ne è scientificamente chiamato Prunus avium, detto in gergo “ciliegia bisciolina”.

Appartenente alla famiglia delle Rosacee, questo albero ha dato vita a numerose varietà ottenute per ibridazione. Si trova allo stato spon­taneo nei boschi; è molto longevo ed i suoi frutti, piccoli e scurì, si presta­no alla preparazione di marmellate, ma sono ottimi anche freschi. Il legno di questa pianta è molto usato dagli eba­nisti, anche se il più ricercato è quello di un’altra specie di Prunus.

Tale albero può raggiungere i due metri d’altezza; i suoi rami sono aperti e presentano delle foglie ellittiche, dentate, munite di piccioli. I fiori sbocciano in primavera e sono di color bianco, con lunghi peduncoli, e si raccolgono in fasci ombrelliformi. Il frutto è una drupa nera, provvista di nocciolo.

Già Galeno, vissuto dal 129 al 201 d. C., aveva scoperto le doti di questa pianta e, giustamente, la consigliava come antigottosa, antireumatica, diuretica, lassativa, depurativa. Anche la moderna ricerca scientifica riconosce al ciliegio queste proprietà

Le parti utilizzate sono i frutti e i peduncoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*