Aglio (Allium sativum) – Proprietà curative e terapeutiche

aglioAppartenente alla famiglia delle Liliacee, l’aglio viene scientificamente chiamato Allium sativum

Si pensa che questa pianta sia originaria dell’Asia centrale, e che sia stata introdotta in Europa soltanto più tardi.

Era coltivato fin da tempi remoti da Greci e Romani; non solo, ma tutti i medici ed i naturalisti dell’antichità parlano di questa pianta, usata come nutrimento dagli intellettuali, che ne traevano giovamen­to per accrescere la lucidità mentale, e come energetico dai lottatori, che la usavano per accrescere la resistenza fisica.

continua a leggere

Achillea (Achillea millefolium) – Proprietà e usi in erboristeria

achilleaLa Achillea millefolium , apparte­nente alla famiglia delle Composite, è detta “millefoglie” proprio per le sue foglie particolari, due volte penna­tosette, in parole povere assai frasta­gliate, come composte da mille foglioline.

Questa pianta è conosciuta da millen­ni; si racconta, infatti, che Achille ven­ne a sapere dal suo maestro, il centauro Chirone, dell’esistenza dell’achillea e delle sue virtù medicinali; e da lui la pianta prese il nome.… continua a leggere

Abete Bianco – Proprietà e usi terapeutici

abete-biancoAppartenente alla famiglia delle Abietacee, l’Abies alba Mill. è noto anche come “Abete maschio”.

Si ha ragione di ritenere che questa pianta esistesse già più di cinquanta milioni di anni fa e, adattandosi ai va­ri mutamenti ambientali, sia arrivata ai nostri giorni. È un albero possente e longevo, che può raggiungere i cin­quanta metri d’altezza e superare i set­tecento anni di età.… continua a leggere

Zafferano (Crocus satìvus) – Proprietà curative e utilizzo in erboristeria

zafferano_Crocus_vernusIl Crocus satìvus appartiene alla famiglia delle Vitacee. Questa pianta era nota già in tempi antichi e veniva coltivata proprio per scopo me­dicinale; molte sono le citazioni che si fanno sullo zafferano in scritti famosi dai quali si conosce che si utilizzava come digestivo, stimolan­te, emmenagogo.

Fin qui niente di strano, dato che queste proprietà gli sono state tutt’ oggi riconosciute alla luce delle recenti ricerche scientifiche; ma, soprattutto ai tempi medievali, veniva usato davvero per le affezioni più disparate e, in un periodo come quello di streghe e magia, si vole­va guarire ogni male con lo zafferano.

continua a leggere